Torta all’ananas sotto-sopra

Avevo davvero una gran voglia di dolce e a casa non avevo più nulla homemade.

Non sia mai che a casa mia non ci sia un Mio dolce. No-no Mile. Ho provato a fare il monkey bread ma, per quanto mi riguarda, raggiungere la temperatura dei 26°-28° come indicato dalla ricetta è stato impossibile.

Ho mandato Max in spedizione del mitico scaldino elettrico ma non c’è stato verso di trovarlo (saltato fuori per caso il giorno dopo: vero caso di serendipità!).

E così l’impasto dopo 3 ore di calde coperte mi ha guardato con un occhio rattristato e decisamente moscio. Ed è passato a miglior vita.

Ok punto a capo. “Voglio un dolce, voglio un dolce”. LIBRO D’ORO DEI DOLCI: meno male che esisti!

Avevo già in testa di fare la Torta all’ananas sotto-sopra: mi sembra davvero indicata per la colazione. E infatti lo è. Non presenta difficoltà di esecuzione ed è piuttosto veloce la preparazione.
9 fette di ananas sul fondo e indovinate quante dentro la lattina? 10. Ho infilato la fetta avanzata nell’indice e ho cercato un volontario nella mia numerosa famiglia di 2 persone: “Cercasi volontario per mangiare l’ultima fetta di ananas”. Stavolta, trovandosi volontario (citazione cinematografica al negativo, cinema di cui sono una più che discreta amante). E qui un bel sorriso ci vuole 🙂
Per i miei gusti, l’avrei preferita ancora più soffice e un po’ più dolce.

16129756099_da967705ca_o

Dulcis in fundo, avete capito vero perché si chiama sotto-sopra?

Grazie!

Annunci