Mille foglie con crema alla vaniglia, cioccolato bianco e tripudio di frutta secca

A me piace molto lavorare la sfoglia. Mi piace sentirne l’elasticità tra le mani e vedere come lentamente si trasforma. E rimanere sbalordita nel constatare che quel “tenero” panetto sono riuscita a crearlo io.  E mi rilassa. Mi rilassa soprattutto la sua morbidezza.

Avrei voluto divertirmi con della frutta fresca ma gli amici con cui volevamo condividerla non la amano, lui in particolare. Davanti la frutta secca però non si tira indietro. Altro piccolo limite all’esecuzione è che avrei dovuto montare la millefoglie a casa e poi trasportarla per poco più di un’ora. Quindi ho cercato una soluzione realizzativa che deliziasse i gusti degli ospiti e che allo stesso tempo fosse anche logisticamente non troppo complicata. Già, come la portiamo?

La portiamo con il mio portaplumcake azzurro che è andato davvero benissimo per il trasporto. Un po’ meno, mi rendo conto, per la scenografia. Non ho proprio voluto rischiare di montarla da una parte e rimontarla per il trasporto. Su siate clementi 🙂

Crema alla vaniglia Bourbon con maizena, cioccolato bianco sciolto a bagnomaria e fantasia di frutta secca tostata a decorare: nocciole, pistacchi e mandorle.

Sì, davvero una delizia 🙂

Picture1IMG_0211

IMG_0215


PictureE
PictureB

Grazie!


Non sottovalutate il tema del trasporto!

La presentazione ha le sue esigenze, si sa. Potete creare un capolavoro ma se poi lo presentate in modo dozzinale è tutta fatica sprecata…

Quindi, trasportare per più di 90 km una millefoglie con morbida e profumata crema che crea un effetto sciolina tra gli strati di sfoglia, richiede il cappello da pensatore (quello col nido di corvi) di Archimede Pitagorico!

Intanto, scatola per trasporto plumcake, come da foto documentative. Poi va distanziati dai lati con spessori avvolti nella stagnola appena accartocciata – effetto paraurti collassabile. Sotto, sacchetti di liquido ghiacciato STESI, piatti. Il tutto avvolto nella borsa porta torte fatta a mano dalla bravissima mamma di una vicina (da questa regalataci).

Il sedile non è perfettamente in piano, essendo atto ad accogliere abbracciando le terga dei passeggeri. Quindi si mette la vela parasole dorata, quella con il pluriball, per cercare di livellare la pendenza. Tocco finale: annodare il prezioso carico nella cintura di sicurezza posteriore!

E poi via! A “sfrecciare” per quasi 100 km, facendo le curve quasi in prima, ché non si sa mai.

Meno problemi con la nitroglicerina.

Annunci

15 thoughts on “Mille foglie con crema alla vaniglia, cioccolato bianco e tripudio di frutta secca

  1. Che meraviglia! Io adoro la sfoglia e questo dolce è incantevole ❤ Bravissima! Proprio domani preparerò un bel po' di pasta sfoglia per alcuni dolcini che ho in mente 🙂 Mi trovi assolutamente d'accordo su trasporto e presentazione, aspetti fondamentali!!! Un bacio, buona serata 🙂 :**

    Liked by 1 persona

Lascia pure un commento...è divertente e arricchisce il mio blog!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...