Come trasformare un “incidente” in un successo – Torta morbida con marmellata nell’impasto

Non tutte le ciambelle escono col buco. Ma la mia è uscita con il buco. Vero!

Peccato però che l’obiettivo non era fare una ciambella ma realizzare la marmellata di arance con il metodo Ferber, metodo di cui sono sicura avrete letto nella rete (nel caso non fosse così, qui uno dei tanti articoli). In estrema sintesi: la particolarità risiede nel lasciare macerare la frutta con lo zucchero e gli aromi una intera notte in frigo.

Io ho seguito questa ricetta peccato però che abbia fatto cuocere un po’ troppo la marmellata che una volta messa nei vasetti, girati e raffreddata non è più riscesa. Gulp!

Cavoli. Posso mica buttarla, con tutto il popò di roba che c’è dentro?! E poi quel profumo mentre la preparavo. Mmmm. No, io voglio ancora sentirlo, assaggiarlo e gustarmelo!

Mi sono ricordata di aver visto nella blogosfera una ricetta di un dolce in cui la marmellata o la confettura erano nell’impasto. E cerca che ti cerca ho trovato questa ricetta fra le tante. Perché mi ha colpita proprio questa? Forse perché manca la foto (e quindi lascia un pochino di spazio alla fantasia) ma soprattutto perché c’era una storia di confidenze – seppur breve – e una fonte: una torta che conquista un palato, “palato” che chiede con insistenza la ricetta alla sua realizzatrice e che alla fine “molla” e condivide (non “cede” bensì “condivide”). Voilà la soddisfazione: il piacere di condividere e l’umiltà di riconoscere che arriva da qualcun’altro.

IMG_0901

Alle marmellate e confetture è inoltre associato un mio caro ricordo. La confettura di pesche che mia madre ed io facemmo insieme l’estate di tanti anni fa: vivevo ancora a Pescara. Non ricordo più se comprammo o ricevemmo le pesche sta di fatto che ne erano una esagerazione. Facemmo non so quante decine di vasetti di marmellata di peschemamma ed io, un pomeriggio d’estate. Senza mai smettere di girare. Ci alternavamo perché alla fine le braccia erano spossate dalla stanchezza. Ricordo che avvicinammo il tavolo della cucina ai fuochi sì da poterci almeno sedere mentre imperterrite giravamo la marmellata alternandoci. Non vi dico poi gli schizzi della marmellata rovente sulle braccia. Ogni tanto io mollavo un urlo ma orgogliosa e sorridente non desistevo: mamma ed io stavamo facendo la nostra prima confettura, di pesche, insieme. Ricordo dolce indelebile e fiero stampato dritto dritto a colori e profumi nel cuore e negli occhi.

Torta morbida con marmellata tagliata

La torta è davvero “morbidosa” e profumata e regala soddisfazioni 🙂

Grazie!

Separatore cuore

Note tecniche: 1) io la marmellata di arance l’ho fatto esclusivamente con zucchero di canna integrale; 2) per la torta, per continuità di gusto e colori, ho usato zucchero di canna integrale e l’acqua l’ho usata per diluire la marmellata che ho ulteriormente passato al frullatore; 3) avendo scelto uno stampo profondo ho cotto nel ripiano basso del forno – anziché come generalmente indicato quello intermedio – per circa 60′.

Annunci

37 thoughts on “Come trasformare un “incidente” in un successo – Torta morbida con marmellata nell’impasto

  1. Anche mia suocera ha fatto la marmellata che non riscendeva dal barattolo… era così soda che noi l’abbiamo mangiata quasi a morsi… tipo fruttino o cotognata. Ed era buona lo stesso…
    La tua storia della marmellata di pesche mi ha fatto tornare in mente un altro aneddoto simile… Alcuni anni fa feci il volontario ad un ristoro della Maratona di Firenze e quando finimmo e smontammo tutto ci dissero di dividerci quello che era avanzato. A me toccò una cassa intera di banane che in due giorni maturarono tutte insieme tanto da costringerci a fare la marmellata. Venne fuori una marmellata così stucchevole che, a casa mia la mangiai solo io… per mesi interi!

    Liked by 1 persona

  2. Che bello il tuo ricordo. Hai sempre la capacità di descrivere le cose con semplicità, vividezza e naturalezza, a leggerti mi spunta sempre un sorriso sulle labbra. E la capacità di trasformare un insuccesso in qualcosa che gioca a nostro favore è una delle doti più grandi che si possano avere!
    Un abbraccio cara Milena…a presto per i racconti della vacanza! 🙂

    Liked by 1 persona

  3. “Ricordo dolce indelebile e fiero stampato dritto dritto a colori e profumi nel cuore e negli occhi”. Mi sembra che una frase così possa reggere una vita intera, è bellissima! E la torta, quanti capolavori nascono per errore? Brava 🙂

    Liked by 1 persona

Lascia pure un commento...è divertente e arricchisce il mio blog!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...