La 1, la 2 o tutte e 3? Cacinitte per tutti i gusti

3 Scatole grandi di cartone. Dimensioni: l ca 40 cm; h ca 25; p ca 60 cm.

1 Scatola per quelli ripieni ai ceci *. 

1 Scatola per quelli ripieni alle mandorle, miele e limone

1 Scatola per quelli ripieni di “scrocchiata” – confettura extra d’uva Montepulciano d’Abruzzo

Ogni anno – finché le forze la hanno assistata – nonna Clelia, la nonna paterna, durante il periodo natalizio produceva badilate di “cacinitte”, immancabile dolce della tradizione abruzzese del periodo delle feste di Natale (in senso esteso). A noi nipoti l'”antipatico” compito di riempire il piatto da portare a tavola con tutti e 3 gli assortimenti. Quando capitava a me impiegavo sempre qualche minuto in più onorando la pesante responsabilità assegnatami di sincerarmi della bontà di tutti e 3 i gusti. A più riprese, naturalmente: non si sa mai che con il primo assaggio sia stata solo fortuna! Quanti ne mangiavo. Oh signur! Da piccola i miei preferiti erano quelli ripieni di “scrocchiata”; crescendo, decisamente quelli ai ceci. La scrocchiata la adoro in questi biscotti, i cillitte, altro dolce tipico della cucina abruzzese 

In tutte le famiglie abruzzesi i “cacinitte” sono presenti con varianti nella pronuncia, nella cottura e nelle personalizzazioni nel ripieno. La ricchezza della tradizione regionale. Da anni la tradizione è passata a mamma e a me. Quest’anno l’esperienza è stata ancora più intensa perché li abbiamo preparati insieme: la vigilia di Natale io ho preparato la pasta, steso la sfoglia e riempita con i ripieni che mamma aveva preparato il giorno prima mentre noi eravamo in viaggio per raggiungerli; e a lei la chiusura. Solo 2 ripieni però perché da noi vanno alla grande i ceci *  arricchiti di cacao, cannella, zucchero di canna e buccia di arancia (slurp!) e quelli ripieni alle mandorle, miele e limone. E infine la cottura o meglio la frittura alla quale si è aggiunto (come da tradizione di casa dei miei) mio papà: mamma friggeva e dopo averli prelevati e fatto assorbire un po’ di olio, trasferiti in altro contenitore per l’aspersione di zucchero semolato mischiato con cannella a cura di papà. 

E indovinate un po’? Erano buonissimi! Come avrebbe potuto essere diversamente?

cacinette-ai-ceci
Cacinitte ai ceci
cacinette-alle-mandorle
Cacinitte alle mandorle

Il nuovo anno è entrato: Felicità e Salute a tutti noi!

Con affetto,

IO

Annunci

37 thoughts on “La 1, la 2 o tutte e 3? Cacinitte per tutti i gusti

  1. Ciao Milena!! Ma che belli i tuoi “cacinitte”!! Sai che mi piacciono tantissimo i dolci che sanno di tradizione, di nonne e di spensieratezza…mi fanno fare un salto indietro nel tempo e mi riportano a quando io stessa ero bambina!
    Buon Fine Settimana ed A Presto,
    Annalisa

    Liked by 1 persona

  2. Cara Milena,

    non riesco a commentare sul tuo sito…come mi sento imbranata 😦

    Volevo solo augurarti buon anno e dirti che i tuoi cacinitte sono uno spettacolo…belle le tradizioni di Natale, lo rendono magico!

    Un abbraccio

    Laura

    Liked by 1 persona

    1. Ciao Laura che piacere trovarti! Grazie dell’augurio e contraccambio di cuore.
      Sì certe tradizioni sono davvero speciali. Tutte quelle fatte con le persone che ami sono “magiche”.
      Io ad intermittenza ho problemi di accesso al tuo sito. Mah…che stranezze. Ma quando non ho problemi recupero alla grande: 😀

      Mi piace

    1. Lo riconosco: sono davvero buoni. Sono uno-via-l’altro e se non ci presti attenzione rischi di mangiarne senza misura. Sugli scaffali dei supermercati troviamo i pochi classici, noti e buonissimi, ma l’Italia è davvero ricca dal punto di vista anche culinario. Se ti interessano i dolci tradizionali allora ti cito anche dalla mia regione, l’Abruzzo, il Parrozzo e la Cicirchiata, entrambi tra le pagine dolci del mio diario.
      Ciau 🙂

      Liked by 1 persona

    1. Ciao Melania! Che piacere ritrovarti! Spero tu abbia passato delle splendide giornate con le persone che ami. Anzi ne sono sicura 🙂
      Assolutamente come scrivi: le tradizioni in cucina raccontano e quindi emozionano. Io le conservo nel mio cuore come semi che negli anni hanno dato frutti e continuano a germogliare e a fare frutti. Frutti di cui il mio cuore è pieno e chiede di condividere come nuova semina ❤

      Liked by 1 persona

      1. Purtroppo è stato un brutto periodo. Ho perso una persona cara a Natale e porto ancora dietro i resti di una polmonite che a fatica continuo a curare. Sono felice anch’io di leggerti e a presto con tutte le altre delizie. ❤️

        Mi piace

Lascia pure un commento...è divertente e arricchisce il mio blog!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...