Un’onda blu, se vi va

Io non lo so se ilmioamoreLorenzo il mondo lo veda blu, il colore associato alla campagna di informazione dell’autismo. E credo sinceramente che a lui poco importi che il 2 Aprile sia la giornata mondiale dedicata all’autismo.

Lui è Lorenzo tutti i giorni dell’anno. Il 2 Aprile serve a tutti gli altri. Serve a chi da autismo non è affetto o non ha parenti, amici, conoscenti BLU. Serve a noi a ricordarci che le persone autistiche sono persone con una prospettiva e una sensibilità diverse e che l’interazione con loro richiede tanto Amore, Ascolto, Sensibilità, Pazienza, Forza e Coraggio. In un mondo in cui le notizie, le esperienze, gli entusiasmi, durano il tempo di una comparsata su uno dei social  in voga.  E se un tocco di BLU serve a ridestare per qualche minuto le attenzioni sopite allora che il MONDO si TINGA DI BLU anche solo per un attimo. Se un tocco di BLU serve a raccogliere più fondi per avere maestri preparati ad assistere bambini con autismo che ben venga. Che non si abbia più a sentire da un insegnate di sostegno o presunto tale: “Ma io non so cosa è l’autismo. Sì ho letto un articolo. Non so come approcciarlo.” E mia sorella: “Le possiamo dare un sacco di libri; può parlare con l’istituto dove Lorenzo fa terapia specialistica”. “Eh! Ma io quando studio? Non ho tempo. Io sono un professore non un insegnante di sostegno”. Così Lorenzo ha perso un anno di scuola non facendo assolutamente niente. Già.

Quando la preparazione, la passione e l’amore fanno la differenza. Il messaggio di sotto è dell’insegnante di sostegno di quest’anno. 

img_20170217_170914

Il mioamoreLorenzo comunica in modo diverso dal nostro. Eravamo seduti sul divano di casa di mia sorella e Lorenzo era in uno di quei momenti in cui la sua espressione si fa seria e concentrata e “gioca” con le sue mani in gesti tipici. Mi sono voltata verso di lui che non mi guardava ma era fisso sulla sua mano destra, ho abbassato la voce e gli ho detto che anche quando non siamo insieme io e lo zio Max pensiamo sempre a lui, che gli vogliamo un gran bene, che quando non c’è io pronuncio spessissimo il suo nome in un modo che è tutto mio. Ho smesso di parlare. Solo allora lui si è girato verso di me, piantando i suoi occhi nei miei e guardando oltre, dentro. Gli ho solo accennato un sorriso con gli occhi, sorriso che portava la voce del cuore. Mi ha dato due baci come fa lui, sulla testa. Ecco questo va oltre la parole.

27 MARZO – 3 APRILE settimana dedicata alla consapevolezza sull’autismo.

CREIAMO UN’ONDA BLU, SE VI VA. Coloratevi di blu, se vi va. Diffondiamo informazione e conoscenza. Solo cosí si abbattono i muri dell’ignoranza, si trovano soluzioni, si crea integrazione o si può almeno sperare di crearla. Col cuore non con l’imposizione.

Questa volta, ancora di più, Grazie!

Annunci

68 thoughts on “Un’onda blu, se vi va

  1. Ecco qua…la lettura che mi tocca dentro😌sai quelle parole che ti arrivano in gola passando dagli occhi ed ingarbugliandosi in un nodo…ecco è su quel nodo che oggi intreccio i miei pensieri ai tuoi. La magia della scrittura “empatica” (in tal modo amo definire le parole che fanno centro al cuore) sta tutta qui,nel sapersi far cupido di sentimenti ed emozioni. Ti ringrazio per questo. Un bacio grande a Lorenzo. 💙

    Mi piace

  2. Ciao Mile. Stanotte è stata una lungs notte di guardia, e per uno strano scherzo delle coincidenze, in sala operatoria è arrivato un bimbo autistico… per un estrsneo è difficile “agganciarli” e ben venga la consapevolezza perché in fondo basta poco. Non ho avuti temoo di fare una ricetta blu ma il mio post di oggi ed i miei pensieri sono tutti blu!

    Liked by 3 people

  3. Mile,
    Lorenzo è fortunato ad avere una zia come te. Credo fortemente che i bambini autistici abbiano un’anima particolare, e che il loro essere “diversi” sia in qualche modo speciale ma che in quest’epoca pochi riescano ad accettarlo…speriamo che sempre più spesso, nella scuola e nella società, ci siano persone che guardano oltre, che guardano nel profondo…

    Liked by 1 persona

  4. La maggior parte delle volte se non vivi in prima persona certe condizioni non riesci a renderti conto fino in fondo di quello che vogliono dire, credo comunque che ci voglia tanto amore … mi segno la data e cercherò anche io nel mio piccolo di dare un contributo

    Liked by 1 persona

  5. Io quando leggo questi tuoi messaggi mi commuovo ogni volta! Anche perché sono diventata zia da poco e penso ogni giorno a che fortuna avere due amorini da poter coccolare e veder crescere…
    Spero che quest’insegnante di sostegno che non sapeva fare il suo mestiere possa finire in cassa integrazione 😡

    Liked by 1 persona

    1. Credo che la commozione sia una bella cosa: vuol dire che non siamo chiusi agli altri. Solo con la “compassione” nel senso greco del termine, l’umanità può sperare di non diventare un insieme di miliardi di individualità incapace di gioire delle piccole cose, di lottare insieme di vedere il suo complementare nell’altro …
      Quanto all’insegnate di sostegno dello scorso anno, be’ dopo aver superato la reazione di rabbia, dispiacere e frustrazione, spero per lui come essere umano e insegnante che l’essere rimosso gli abbia fatto aprire gli occhi e cogliere l’opportunità di crescere. Se così non fosse….@”&%(=””””@@@@@AAAAAHHH così finiamo con un sorriso che aiuta sempre 🙂
      Grazie Ila!

      Liked by 2 people

      1. Ahhh!!!! Mi fa piacere che lo abbiano rimosso!!! Io lo dico sempre che il mestiere dell’insegnante dev’essere una cosa fatta con passione, perché tu devi trasmettere qualcosa ai tuoi alunni e ancor di più quando sei un insegnante di sostegno… Senza parole!
        Speriamo, io ogni giorno vedo sempre più menefreghismo nei confronti del prossimo 😦

        Liked by 1 persona

  6. Un post fatto con il cuore. Un post che parla d’amore, un post che ci fa capire che un semplice gesto o sguardo può dare emozione. Sto pensando a cosa potrei fare per partecipare simbolicamente a quest’iniziativa. Un piccolo contributo per aiutarti a sensibilizzare chi non sa nulla di autismo. Un abbraccio blu Bea

    Liked by 1 persona

  7. cara mile,
    che toccante queste tue righe, questo tuo amore smisuratamente grande per Lorenzo. come avevo detto a viviana di stravagaria mi associo anch io all idea di un post tutto blu (ci sto ancora pensando ho tante idee ma disordinate ma entro fine marzo le riorganizzo perchè ci tengo) appena è pronto te lo faccio sapere, non cambierò lo stato delle cose ma ci tengo a dare il mio contributo d affetto grande grande…
    ancora grazie
    daniela

    Liked by 1 persona

  8. Troverò il modo di fotografare qualcosa di blu che tra l’altro è un colore che mi piace molto.Ti ringrazio per aver scritto questo post: sono emozionata e commossa.Abbraccio te e soprattutto mi sento vicina a Lorenzo.Tanti anni avevo studiato musicoterapia e durante il tirocinio avevo fatto da assistente durante le sedute di un ragazzo autistico. Ricordo che poi, stendendo il protocollo di seduta, lo avevo definito “una farfalla” per la delicatezza del suo essere.Ecco, credo che per la delicatezza che loro hanno interiormente ci voglia da parte nostra altrettanta delicatezza.Loro hanno percezioni più acute delle nostre..penso che le persone (cosiddette) normali per loro siano troppo veloci nei movimenti e troppo rumorose. Ti confesso che molto spesso, leggendo le caratteristiche dell’autismo, ho dei dubbi su di me, visto che mi sembra di averne diverse…

    Liked by 1 persona

    1. Credo che al mondo ci siano tante persone con una sensibilità blu e le sue sfumature…si chiama spiritualità? Credo, forse.Non saprei dirlo. Ma con certezza credo che solo quella sensibilità o spiritualità, amore puro, possano cambiare l’umanità e il mondo in cui viviamo.
      Grazie a te! Un abbraccio ❤

      Liked by 1 persona

  9. Ieri ho cucito #blu 😉 e comunque devo dirtelo, il tuo modo di raccontare Lorenzo e di coinvolgere in questa onda blu tutti noi che ti leggiamo è davvero unico e bellissimo. Condivido il tuo post su fb. 😀

    Mi piace

Lascia pure un commento...è divertente e arricchisce il mio blog!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...