Torta di pesche profumata alla lavanda con pistacchi

Il nonno Italo – nonno paterno – sedeva a capo tavola, io alla sua destra poi c’era mia sorella, mio papá (all’altro capo del tavolo), mamma e nonna. Il nonno era un musicista di banda: suonava la tromba. Era piccolo di statura, viso quadrato, occhi azzurri e caratterialmente un pezzo di pane. Si commuoveva per un nonnulla. Una volta in pensione, giocava a carte in uno degli N bar del paese e l’ambìto premio della briscola o della scopa di turno erano cioccolatini e le mitiche caramelle mou, vincite di cui noi nipoti godevamo a quattro mani. Tra le altre caratteristiche aveva quella di piazzarsi esattamente in linea tra te e il televisore acceso sì da non farti vedere nulla. E mia sorella ed io in coro: “Nonnooooo! Non sei trasparente”. E lui, mani in tasca nei pantaloni, sorrideva, si girava e si spostava. Sospetto lo facesse apposta.

A tavola poi se aveva bisogno che io gli passassi qualcosa mi toccava con la mano il gomito e allungava il mento ad indicarmi cosa avrei dovuto prendergli. Ed io, bimba, tutte le volte, con inattaccabile costanza: “Nonnoo! Ma perché invece di allungare il mento non mi dici cosa vuoi?!” Una scenetta che faceva ridere prima lui, poi mio padre quindi io che mi sbellicavo. D’estate, durante il periodo delle pesche, amava mangiarle tagliate a fette in un bicchiere di vino bianco. Rituale al quale io assistevo tutti gli anni con lo stupore inalterato che soli – o quasi – i bambini hanno. Per me era una cosa stranissima che le pesche si potessero mangiare nel vino bianco (!).  

20170626 - torta alle pesche e lavanda dall'alto

dav

Negli ultimi due anni circa prima che morisse, ogni volta che entrando in casa andavamo a salutarlo baciandolo lui si commuoveva … Così oggi con questa torta alle pesche i miei ricordi sono volati sino al nonno trombettista dagli occhi azzurri, Talucce per scriverla riproducendo il suono abruzzese.

20170626 - torta alle pesche e lavanda dall'alto tagliata 2

 

IMG_1893
Giocando con le luci

dig

La torta oltre ad esserne decorata, al suo interno ha una purea di pesche. L’impasto è profumato con 0.3 g di lavanda essicata, prezioso dono del giardino della vicina del pian terreno, e una manciata di granella di pistacchi

A voi oggi, una fetta profumata (anche) di ricordi che suonano. Ancora.

Grazie!

cuore-blu-splendido-4759855

Note tecniche: sono partita dalla mia torta di mele con farina integrale e mandorle per uno stampo da 22 cm riproporzionando le dosi per uno stampo da 18 cm; ho sostituito lo yogurt con 2 pesche percoche (250 gr senza buccia) cotte con 20 gr di zucchero di canna e un cucchiaino da thé di succo di limone; come anticipato, ho aggiunto 0.3 gr di lavanda essicata (il quantitativo per me é azzeccato: la lavanda si sente senza essere invadente. Rischio da non sottovalutare con la lavanda) ed un cucchiaio raso di granella di pistacchi.  La torta é senza lattosio. 

INGREDIENTI per uno STAMPO a cerniera di 18 cm 

83 gr Farina Integrale          

33 gr Farina di mandorle o (mandorle tritate) 

33 gr Fecola                          

87 gr Zucchero di canna grezzo      (se grosso, tritarlo)

20 gr  Zucchero di canna grezzo per cuocere le pesche

Una manciata di zucchero di canna grezzo per la decorazione in superficie

2 Uova                           

83 ml Olio di semi                

2 pesche tipologia a scelta 250 gr senza buccia e nocciolo

3/4 Di una bustina di cremor tartato           

3/4 cucchiano da the di bicarbonato                

Succo di Limone          1 cuchiaino da the 

!n cucchiaio colmo da tavola di pistacchi

1 manciata di pistacchi per la decorazione della superficie

0,3 gr Lavanda essiccata        

PROCEDIMENTO

Sbucciare le pesche mature e farle a pezzettoni. Cuocerle in una teglia dal fondo spesso con zucchero di canna e succo di limone. Quando si saranno ammorbidite spegnere il fuoco e lasciare intiepidire. Quindi frullarle. In una ciotola lavorate lo zucchero con i rossi fino ad ottenere un composto spumoso quindi aggiungete l’olio e la purea di pesche, la lavanda essiccata e la granella di pistacchi. Unire ora farina e lieviti. Montate gli albumi a neve e unire al composto delicatamente. Versare l’impasto nella tortiera precedentemente unta e infarinata. In alternativa bagnare 2 fogli di carta da forno e tamponare; quindi stenderli sul fondo e sulle pareti (in caso di tortiere apribile questa modalità funziona. Altrimenti occorre comunque oliare la tortiera, prendere le misure e tagliare la carta di conseguenza). Affettare a mano una pesca (ne avanzerà) e distribuire le fette a raggiera. Spolverizzare con lo zucchero di canna e pistacchi e infornare a 180°c per 40 minuti circa e cmq fino a quando la torta non assumerà quel bel colore biscottato e si staccherà leggemente dalle pareti.

Annunci

48 thoughts on “Torta di pesche profumata alla lavanda con pistacchi

    1. Eh sì…mi piacciono questi ricordi. Rinfrescarli, girarmeli tra le dita e sulle labbra perché prendano di nuovo vita.
      Se ti piace la lavanda te la consiglio ma con moderazione perché davvero la lavanda ha un aroma intenso e persistente. Bacio Paola!

      Mi piace

  1. Che bello questo ricordo di tuo nonno…Anche io ero tanto affezionata al mio, e lo penso spesso, anche se sono tanti anni che non c’è più. La torta dive essere buonissima, me la immagino supersoffice! E i rischi della lavanda li conosco bene…la prima volta che la usai, nelle madeleine, mi sembrava di mangiare un profumabiancheria! 😀

    Liked by 1 persona

  2. Non ho mai potuto conoscere i miei nonni, se ne sono andati entrambi prima che io nascessi. Col tempo tutti gli anziani per me sono diventati nonni, ancora oggi se ne incontro qualcuno scambio un sorriso, una chiacchiera, per riempire quel vuoto a cui non so dare viso. Mi sono emozionata nel leggerti, dei ricordi dolcissimi. Sono certa che tuo nonno avrebbe amato anche la tua torta di pesche.un saluto, S.

    Liked by 1 persona

    1. Ma sai che anche a me piace fermarmi a parlare con le persone anziane?! Mi fanno tenerezza da sempre. Forse perché mi riesce facile mettermi nei panni degli altri e al loro posto vorrei che qualcuno trovasse un po’ di tempo per fare due chiacchiere con me quando sarò anziana… grazie Silvia di essere passata a trovarmi. Buon fine settimana!

      Mi piace

  3. Questa torta deve essere super-squisita, Mile! Le torte con le pesche sono un po’ come quelle di mele, sempre eccezionali! Sai che leggendo il tuo racconto mi hai fatto ricordare mio nonno, me lo sono potuto godere poco…ed ero molto piccola, ma ho un bellissimo ricordo di lui!

    Liked by 1 persona

  4. Un po’ mi ricorda la mia infanzia, solo che noi ci davamo di rosso per le “pesche col vin” e dal nonno c’era proprio tutto: l’albero ricco di pesche profumatissime e la cantina ricca di botti piene di vino aromatico e di ottima qualità. Insomma, mi hai fatta perdere nei ricordi di bambina…
    Un abbraccio forte 🙂

    Liked by 1 persona

  5. Nel tuo post ho ritrovato ricordi del mio nonno materno..sparito 3 anni fa.
    Quanto amore.Mi sono seriamente commossa.
    ( il gesto gomito -mio- mento -suo- per indicare..lo faceva sempre anche lui)
    Quanto mancano eh?

    Grazie !
    ps. la torta la voglio fare stasera poi ti dico come viene!!

    Mi piace

    1. Oh Alessia mi fa piacere che tu abbia ritrovato un po’ del tuo nonno. L’obiettivo è quello di rivivere e condivide emozioni belle, importanti alle volte “forti”. Grazie a te del tuo passaggio tra le pagine dolci del tuo diario. Allora aspetto di sapere come è andata 🙂

      Liked by 1 persona

  6. Chissà perché ancor prima di arrivare qui e leggerti ho sentito da lontano il profumo dei ricordi. Quelli che un po’ hanno fatto male, ma che adesso stanno dentro al cuore.
    Per ogni nonno che si rispetti le pesche si tuffano dritte nel vino, ancor prima di una torta, ma sono sicura che se ne avesse assaggiato una fetta di questa avrebbe cambiato subito idea❤️ tienili stretti i ricordi, sono preziosi. Come te. Notte Mila

    Liked by 1 persona

  7. Tuo nonno doveva essere proprio un gran bel tipo. Me lo immagino, semplice, casalingo, schietto, e con un amore infinito per le sue nipoti. Sai che non avevo mai sentito di pesche bagnate nel vino? o invece mi divertito un sacco a guardare mia nonna che intingeva la ciambella nel vino rosso. Se la gustava proprio con piacere. Non ho mai conosciuto nessuno dei miei nonni, e questo un po’ mi manca, non so se i nonni sono diversi dalle nonne.
    Questa torta è stupenda, bella alta e soffice. Si vede che è stata fatta con amore pensando a una persona speciale

    Liked by 1 persona

    1. Sì secondo me i nonni sono diversi dalle nonne, per naturale conseguenza. I nonni e le nonne sono dei pezzi di noi, legami forti. E nonno Italo era proprio dolce e a me piaceva molto dargli i baci salutandolo.
      Una torta-coccola direi 😀

      Mi piace

  8. Non so più distinguere se a portarmi qui sia la curiosità dei tuoi accostamenti e la creatività in cucina, oppure l’emozione che mi regala scoprire il perchè scegli un ingrediente particolare.
    Ammetto di aver avuto un piccolo sussulto con le pesche nel vino, mio nonno era solito intingere la focaccia nel vino bianco e questo è un ricordo dolcissimo che mi lega alla sua figura per me così importante.
    E quindi grazie per le pesche, per i ricordi e per permettermi di non dimenticare mai quanto siano importanti i piccoli gesti 🙂

    Liked by 1 persona

    1. Io sono solo felicissima che tu passi da me perché ogni volta mi regali uno “scorcio” del tuo cuore. E così i miei ricordi vanno in risonanza con i tuoi e si mescolano e vibrano insieme. E così diffondiamo altro amore. Un dolce ricordo anche per il tuo nonno che intingeva la focaccia nel vino bianco! ❤

      Mi piace

    1. Assolutamente sì. E io che i ricordi li coltivo per portarli avanti credo che scrivendone voglia dare loro la possibilità di un pubblico più vasto che faccia risonanza con i ricordi di chi legge. In questo modo seminando amore. Grazie del tuo commento, davvero.

      Liked by 1 persona

  9. Questo è il genere di torte che mangerei a quattro palmenti, raccogliendo le bricioline coi polpastrelli! Magari di questa ti chiedo la ricetta… 😉 La tenerezza dei nonni resta scolpita nel cuore insieme alle loro carezze talvolta un po’ goffe. Ho bellissimi ricordi anche io del mio nonno sarto che mi carezzava i capelli ripetendo che eran come seta 😍

    Liked by 2 people

      1. Stamattina ho parlato con Martina e stava preparando una torta per festeggiare con i colleghi della clinica: pesche e amaretti senza lattosio. Avevo appena letto il tuo post e ho pensato che fosse una bella coincidenza, torta alle pesche per tutti!

        Liked by 1 persona

Lascia pure un commento...è divertente e arricchisce il mio blog!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...